Taizu

L’immagine si fonda su due temi principali: i cinque elementi dell’antica filosofia cinese (Fuoco, Acqua, Metallo, Legno e Terra) e il DNA culinario da cui nasce il menu, i cui sapori, trame e colori si basano sull’interpretazione personale dello chef Yuval Ben Neria dello street food di cinque paesi del sud-est asiatico: India, Cina, Tailandia, Cambogia e Vietnam.


L’ambiente evoca il senso più profondo dell’Asia senza essere tradizionale o didascalico. Un filo sottile collega spazio e cibo in una dimensione unitaria: la forma e la trama organica della foglia di banana, ad esempio, si ritrova sui muri di cemento, sulle divisioni in legno e nei piatti che vengono serviti.


Lo spazio si articola in aree, ognuna con un proprio carattere. Una zona lounge accoglie i clienti con un set informale di sgabelli alti da bar lungo un grande tavolo in ardesia. Quindi troviamo un lungo mobile, con ante in vetro colorato, a temperatura controllata per il vino che riempie la parete principale. Quindi uno spazio da pranzo più formale con una zona bar adiacente e la cucina a vista che bilanciano questa formalità, dando un tocco di energia e movimento.


Lo chef table è invece un volume separato dalla sala principale da una vetrata e riparato da due muri di blocchi di bambù, che conferiscono intimità e privacy all’ambiente.
Infine una grande terrazza arredata con tavoli in ardesia nera è perimetrata da alte piante di citronella che con il loro profumo e movimento completano l’esperienza sensoriale.

Credit pics @ Amit Geron
Architect: Pitsou Kedem Architects , Baranowitz-Amit Design Studio

Taizu
Derech Menachem Begin 23, Tel Aviv-Yafo, Israele
Telefono: +972 3-522-5005