Kadeau Copenhagen

Kadeau Copenhagen, una stella Michelin, attinge alla natura circostante, trasformando i sapori e gli odori dell’isola di Bornholm nei piatti serviti dal ristorante. Una profonda passione per il paesaggio della Danimarca quella del Capo Chef Nicolai Nørregaard e il suo team che ha dato vita ad uno spazio di comprensione condivisa in cui il design modella non solo l’atmosfera ma la stessa esperienza culinaria.
Un’esperienza olistica e sofisticata che celebra ogni dettaglio, un universo in cui gli ospiti si sentono a tavola a casa loro insieme a cari amici.

Tutti i materiali, i colori e le soluzioni di design utilizzati sono stati accuratamente composti per creare la giusta sensazione, l’atmosfera e il senso del luogo. Kadeau Copenhagen è letteralmente isolato dal mondo esterno, il ristorante è nascosto dietro un portone in legno blu e i visitatori devono suonare un campanello per potervi accedere.

Entrando, gli ospiti passano lungo un corridoio dalle pareti scure con opere in rame ossidato che si apre poi sulla cucina in rovere a pianta aperta con il suo forno a legna e una sala lettura sulla destra che conduce a un giardino privato. Quindi si giunge alla sala da pranzo con le sue grandi finestre panoramiche che si affacciano sul cortile.


La sala è uno spazio aperto, ma concepito in modo da offrire intimità: un ambiente con un immediato senso dell’anima e un carattere che porta i materiali ad essere protagonisti.


La cucina con la sua serie di isole in legno realizzate artigianalmente sembra più un’officina che acquista una dimensione teatrale grazie all’illuminazione delle plafoniere.


Il pavimento della sala da pranzo principale crea un disegno extra large a spina di pesce in abete colorato con un olio color antracite. Il legno è utilizzato anche per gli armadi, tavoli, sedie e anche per i divisori che ritagliano lo spazio e contribuiscono a creare un importante senso di intimità.


Gli arredi sono un mix di pezzi nuovi, vintage e su misura e l’illuminazione è pure un mix di atmosfera e illuminazione tecnica.

L’idea di base è quella che pervade la nuova ristorazione danese, cioè la mistica del foraging, la ricerca di erbe e funghi e radici selvatiche nella natura incolta: gli chef combinano alla perfezione prodotti freschi e stagionati e utilizzano tutta la loro esperienza in fatto di conservazione e fermentazione degli alimenti per aggiungere sfaccettature in più ad ogni piatto.


Dietro una porta blu a Copenaghen….. vi aspetta un’opera d’arte, il cui respiro parla di boschi di conifere e sabbie bianche.

Credit pics @ Yuta Sawamura

Kadeau Copenhagen
Wildersgade 10B, 1408 København, Danimarca
Telefono: +45 33 25 22 23